IX Perspectives

Index Exchange pronto per IAB TCF versione 2.0

Con il lancio della versione 2.0 del Transparency and Consent Framework (TCF) di IAB, previsto il 1° aprile 2020, Index Exchange è pronto a gestire i nuovi segnali di consenso del Framework. Il TCF consente alle aziende di operare in conformità al GDPR fornendo loro un formato standard per la raccolta e la trasmissione dei segnali relativi al consenso degli utenti al trattamento dei loro dati personali. A seguito delle osservazioni fatte dalle autorità normative SEE sulla versione iniziale, IAB ha sviluppato un insieme più completo di segnali caratterizzati da un’elevata granularità.

IAB Europe dispone di un gran numero di informazioni utili sulle novità introdotte nel TCF 2.0, oltre a numerosi webinar imprescindibili per facilitare il passaggio dalla versione 1.1 alla 2.0. Importante: non è possibile convertire una versione nell’altra, perciò tutti gli appartenenti all’ecosistema pubblicitario devono apportare le necessarie modifiche. Abbiamo in programma di garantire il supporto di entrambe le versioni del framework per l’intero periodo di transizione suggerito da IAB, che terminerà il 30 giugno 2020.

Informazioni per i publisher:

Dovrete collaborare con il vostro Consent Management Provider (CMP) per aggiornare le integrazioni alla versione 2.0 del TCF. Se ancora non disponete di un CMP, vi consigliamo caldamente di trovarne uno, anche se la vostra attività non ha sede nel SEE. Se infatti generate traffico nel SEE, siete comunque soggetti alla normativa.

Informazioni per i partner di IX Library:

I partner di IX Library non dovranno aggiornare il codice per supportare l’aggiornamento alla versione 2.0 del TCF. IX Library, infatti, comunica automaticamente con la CMP al fine di recuperare e condividere la stringa relativa al consenso con tutti gli adapter certificati nel prodotto. Ulteriori informazioni sulle impostazioni relative alla privacy sono disponibili qui.

Informazioni per i partner adapter di Prebid:

I partner adapter di Prebid non dovranno aggiornare il codice per supportare l’aggiornamento alla versione 2.0 del TCF. Il Prebid adapter di Index Exchange, infatti, elabora automaticamente qualsiasi versione della stringa relativa al consenso condivisa dal CMP.

Informazioni per le DSP e Agenzie:

Non sono necessarie modifiche ai campi OpenRTB per la condivisione dei segnali del TCF relativi al consenso. La stringa relativa al consenso, indipendentemente dalla versione, verrà inserita nel campo user.ext.consent, proprio come adesso. Index Exchange trasferisce la stringa relativa al consenso così come viene ricevuta, pertanto dovreste già essere pronti ad accettare le stringhe per TCF versione 2.0 in linea con le tempistiche della transizione stabilite da IAB. Importante: gli editori non possono inviare più versioni di una stessa stringa, ma devono limitarsi a una sola versione. In quanto acquirenti a valle, dovreste essere pronti a ricevere la nuova versione dei segnali non appena questi vengono inviati.

Siamo impazienti di discutere con editori, acquirenti e CMP del nostro approccio collettivo alla transizione a questa nuova versione. Se avete altre domande, non esitate a rivolgervi direttamente al responsabile del team per il vostro account.

Se invece volete conoscere in dettaglio il supporto offerto da Index Exchange per il framework TCF di IAB, visitate la nostra Knowledge Base.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *