IX Perspectives

Aggiornamenti a Library nel 2020

Non appena l’header bidding ha iniziato ad affermarsi, i publisher hanno compreso l’importanza di utilizzare un framework javascript per ospitare la loro configurazione relativa al digital advertising e bidder (spesso chiamata “Container” o “Wrapper”, e che Index definisce “Library”).

Per quanto i primi framework abbiano contribuito a democratizzare la monetizzazione, le difficoltà per i publisher quali regolamentazione, policy, richiesta di diversi standard e annunci indirizzabili, non sembrano diminuire, e aumenta la necessità di soluzioni Library adattabili e flessibili. Oramai queste non possono più limitarsi a soddisfare i requisiti di conformità normativa, ma devono anche offrire l’agilità necessaria per adattarsi alle esigenze dei publisher, in costante evoluzione. Pertanto, riteniamo che il nostro impegno nel sostenere i publisher tramite Library sia ben lontano dal considerarsi concluso.

Tenendo presenti queste considerazioni, ecco una serie di sviluppi recenti che richiedono modifiche adattive del codice per i publisher, integrati e pronti da attivare nella nostra Library.

  • Aggiornamento del browser Chrome 80: questo update implica l’impostazione predefinita della privacy per consentire agli utenti una maggiore trasparenza e un migliore controllo sui cookie cross-site. L’aggiornamento esige che tutti i cookie impostati da un’entità in Library assegnino un’etichetta esplicita al contesto (prima o terza parte) e condividano le informazioni tramite cookie solo su una connessione sicura sull’open web.
  • California Consumer Protection Act: è stato promulgato nello Stato della California a gennaio 2020 per garantire che ogni utente in California abbia la possibilità e i mezzi per rinunciare alla pubblicità personalizzata sull’open web. I publisher che svolgono attività in California devono fornire all’utente un meccanismo di opt-out e utilizzare una soluzione Library capace di acquisire e condividere le informazioni di consenso con tutti gli adattatori, in modo decifrabile e comprensibile.
  • Le iniziative Sellers.json e SChain sono state divulgate nell’ambito dello IAB Tech Lab nel 2019, nel tentativo di garantire tale trasparenza in ogni transazione nella supply chain del programmatic. Ogni partecipante alla transazione, dal sito web o dall’app del publisher fino a ciascun Exchange o SSP, deve quindi dichiarare la propria partecipazione attraverso file ospitati come Sellers.json o dati allegati alle chiamate provenienti da Library, come nel caso di SChain.
  • General Data Protection Regulation: è in vigore nell’Unione Europea dal 2018 a salvaguardia dei suoi cittadini, per garantire che le informazioni personali siano trattate in modo sicuro ai fini della privacy. Questa regolamentazione richiede che i publisher che svolgono attività economica in Europa debbano applicarsi per ottenere il consenso degli utenti e trasmetterlo a una soluzione Library capace di gestire e condividere l’informazione con tutti gli adapters, in modo decifrabile e comprensibile. Sono attualmente in corso gli aggiornamenti necessari per rendere tale funzionalità conforme a TCF 2.0.

Molti di questi aggiornamenti sono già in fase di implementazione, e ne seguiranno altri man mano che procede l’adattamento a TCF 2.0. Come sempre, continuiamo a tenere fede al nostro impegno di realizzare soluzioni leader di mercato in quanto a versatilità, potenza e privacy.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *